lunedì 14 gennaio 2013

Venezia.

Erano sei anni che mancavo da Venezia, Genietto era piccolino, ma si era visto una Biennale con noi. Ogni tanto ha qualche vago ricordo di quei giorni caldissimi, a casa di Lee, che faceva parte del comitato australiano.
Questa volta abbiamo portato Genietto e J.J. a vedere una mostra in uno spazio che ancora mi mancava, dopo la bella ristrutturazione: Punta della Dogana.
Elogio del dubbio è il titolo della mostra ed è piaciuta a tutti e quattro. Le opere sono valorizzate dagli spazi ampi, dalla luce della laguna, che filtra dal soffitto e dalle ampie vetrate o dalle griglie dei finestroni. I materiali della struttura non creano distrazioni, il personale è attento e gentile e soprattutto eravamo quasi gli unici visitatori. Le opere sono di artisti contemporanei importanti, ma non per questo banali. E' una mostra che strizza l'occhio anche ai bambini, infatti all'entrata vengono forniti di un album che li guida nel percorso a mettere in atto l'immaginazione.
J.J. si è divertito a correre dietro all'immagine di un cane proiettata su di una gigantesca parete. Genietto era ipnotizzato da un video psichedelico. Io naturalmente ho trovato pane per i miei denti. Un paio di opere di Cattelan (nonostante la mia prevenzione nei suoi confronti) non erano niente male. Ma in assoluto il lavoro che mi ha affascinato è stato Roxys, un'opera degli anni '60 di Edward Kienholz: la ricostruzione fedele e inquietante della stanza di un bordello degli anni '40 (con languido sottofondo musicale di un juke-box), abitato da presenze misteriose e ancora più inqietanti. Ho letto poi la storia di quell'opera e mi sono commossa.
Venezia era fredda e soleggiata. Abbiamo fatto un lungo giro in traghetto, poi siamo stati a casa di un amico di Adone, dove Genietto ha potuto posare le dita di nuovo sul lucido pianoforte nero su cui sei anni fa ebbe la sua iniziazione alla musica.
Insomma, questo è stato uno dei più bei regali di compleanno che io abbia mai ricevuto.

3 commenti:

  1. venezia sempre magica :)
    solo andarci con questa pioggia per fare un esame le toglie un po' di fascino -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però anche sotto la pioggia... Magari dopo l'esame :-)

      Elimina
  2. E' un gioiello perfettamente incastonato nel mare!

    RispondiElimina